Continua a tenere banco il caso Flavio Insinna, esploso a Striscia la Notizia con la messa in onda di alcuni fuorionda che hanno scatenato un autentico pandemonio. Nei video in questione, si vede il conduttore infuriarsi pesantemente con lo staff del programma e insultare una concorrente, definendola "nana di mer**". La persona in questione, la signora Rosy Seracusa, è stata interpellata a La Zanzara su Radio 24, replicando duramente e annunciando misure legali contro Insinna.

Ci sono rimasta malissimo, non mi sarei mai aspettata una cosa del genere. Mi sento offesa. Probabilmente lo denuncerò. Sono stata offesa pubblicamente. È tutta la giornata che ricevo telefonate e mi devo difendere da cose che non ho fatto. Quelle cose non le ho mai sentite prima, ho saputo tutto da Striscia, Insinna non le ha dette davanti a me. Con me è sempre stato cortese. Ma evidentemente Insinna ha due facce, una pubblica e una privata.

La Seracusa ha difeso l'operato del tg satirico, continuando con parole molto dure nei confronti di Insinna.

Striscia la Notizia ha fatto il suo mestiere, lavora così da sempre. Non so dove abbia preso le registrazioni. Non giustifico le sue frasi in alcun modo, non siamo amici. Nessuno della Rai finora si è fatto sentire. I miei parenti sono arrabbiati e delusi. Credevano in Insinna, lo vedevano come uno di cui potersi fidare, uno buono. Con i suoi autori si può arrabbiare quanto vuole, ma non mette in mezzo me la mia faccia, la mia professionalità. Io faccio l’informatore medico e ricevo continue telefonate da colleghi e amici per come sono stata trattata in tv. È una cosa che mi danneggia nel mio lavoro. Non siamo attori, non siamo personaggi pubblici che possono sostenere una cosa del genere, le emozioni, le paure. Se voleva altre persone invitava degli attori e non se la prendeva con noi. Per me non deve più condurre in tv, ho perso la fiducia in un personaggio così.

Nuovo attacco di Striscia: "Insinna mente per mestiere"

I fuorionda che hanno inchiodato Flavio Insinna sono stati trasmessi da Striscia il 23 maggio e hanno creato un vero e proprio scandalo. Insinna non ha ancora replicato, anche se Rai1 ha espresso il suo sostegno e la sua solidarietà al conduttore. La pensano in modo diverso molti spettatori, che hanno reagito sommergendolo di critiche sui social. Il programma di Antonio Ricci ha continuato a parlare del caso nella puntata del 24 maggio, mostrando nuovi audio in cui si sente il conduttore insultare i suoi collaboratori e provocare sarcasticamente "gli amici di Striscia".

Ficarra e Picone hanno lanciato un vero e proprio attacco, paragonando le suddette scene ad alcune dichiarazioni pacifiste di Insinna che gli fecero guadagnare il consenso di Sinistra Italiana. La guerra di Striscia contro il presentatore tocca insomma toni politici, con dichiarazioni molto forti: "Flavio Insinna è un attore, quindi è abituato a mentire per mestiere". Al netto delle giuste critiche per gli insulti alla ospite, l'operato del tg satirico sta ormai assumendo, insomma, i contorni di una lotta personale Ricci vs Insinna, che del resto dura da parecchio e sembra intenzionata a trasformare il conduttore Rai in un mostro a qualunque costo.