Attraverso un lungo post pubblicato sulla pagina Facebook ufficiale, Alberto Angela ringrazia i 6 milioni di telespettatori che hanno decretato l’incredibile successo di “Stanotte a San Pietro”, lo speciale andato in onda martedì 27 dicembre su Rai1 in prima serata. Quasi 6 milioni telespettatori hanno incoronato Angela re dell’intrattenimento culturale, consegnandogli tra le mani il miglior regalo di Natale che il celebre conduttore potesse augurarsi.

L’emozione di Alberto di fornte al 25,4% di share realizzato è palpabile, e traspare in maniera chiare dalle parole che ha voluto affidare alla rete affinché i suoi ringraziamenti arrivassero davvero a tutti quelli che hanno contribuito a consegnargli questo trionfo

Carissimi, il risultato di "Stanotte a San Pietro" è stato davvero sensazionale: 25,4% di share con 5.976.000 telespettatori. Vi ringrazio per questo grande traguardo. Dietro a questi dati però c'è di più. Quello che abbiamo visto ieri sera testimonia lo straordinario patrimonio culturale che abbiamo. Un'eredità del passato che costituisce una risorsa del presente e che è alla base del nostro modo di pensare, di vivere….di essere italiani. Queste opere uniche fanno parte del nostro Dna. Ecco perché questa eredità deve essere condivisa con tutti e il risultato di ieri lo dimostra. L' intento del nostro programma e di Rai Uno, parlando di cultura in prima serata, è far capire che quelle ricchezze diffuse ovunque sul nostro territorio , possono giovare a tutti. E costituiscono una grande risorsa per il futuro. Un caro e forte abbraccio a tutti. Ps con questo risultato siamo arrivati sulla Luna. Ma rimango con i piedi ben saldi sulla Terra. Tranquilli.

Alberto Angela illumina la serata di Rai1.

"Stanotte a San Pietro. Viaggio tra le meraviglie del Vaticano" è stato il più grande successo televisivo mai realizzato dal figlio di Piero Angela. La prima serata offerta da Rai1 è stata un susseguirsi di conferme sotto ogni punto di vista. I dati di ascolto non hanno bisogno di ulteriori approfondimenti, e il plebiscito ottenuto in rete non fa che rendere questo trionfo ancor più radicato.