A Domenica Live, sono intervenuti come ospiti il cantante Gianni Nazzaro e la moglie Nada Ovcina, pochi mesi dopo il gravissimo incidente stradale che li ha coinvolti e in cui in cui ha perso un rene, rischiando addirittura una paralisi. Dopo settimane di fisioterapia, oggi l'artista napoletano è tornato in salute ma il trauma è ancora recente, tanto che si è commosso nel rivedere in video le tragiche immagini di quel momento.

Gianni Nazzaro: "L'incidente è un nuovo inizio della mia vita"

L'incidente subito da Gianni Nazzaro, avvenuto in Francia, è stato raccontato nei dettagli dal cantante

Guidava Nada, ma non ha colpa. Ci è arrivato un tir addosso. L'investitore ci ha detto "scusate, non vi ho visti". Però si è fermato, non era ubriaco né drogato, forse ha avuto un colpo di sonno o era al telefono. Lei è uscita immediatamente e devo dire che l'autista del tir è intervenuto per fare in modo che non venisse investita da un'altra auto. Io ho avuto solo il tempo di dire "Che è successo?". Nada ha aperto la portiera e mi ha tirato fuori. Io, in quei 5 metri da quando mi hanno sollevato a quando mi hanno portato all'ambulanza, ho rivisto la mia vita. Noi personaggi dello spettacolo pensiamo sempre che queste cose succedano agli altri. Ho sentito la mano di Gesù sulla mia testa. L'incidente è stato il coronamento di un brutto periodo, da lì è iniziata una nuova vita. Mi ha fatto nascere un amore verso gli altri che non avete idea, non girerò più la testa da un'altra parte quando qualcuno ha bisogno di aiuto.

Nazzaro e Nada: un amore rinato dopo il divorzio.

Curiosa la storia d'amore con la moglie Nada: i due si sposarono per poi separarsi 8 anni dopo. Fu Gianni a lasciarla, prima di avere figli con un'altra donna. Oggi sono formalmente divorziati, ma sono tornati insieme e sono più uniti che mai. Dal loro matrimonio sono nati due figli, Gianni jr e Giorgia (che ha fatto una sorpresa ai genitori intervenendo in trasmissione). Anche Nada ha ricordato l'incidente, svelando di essergli stata vicina ogni giorno nelle prime terribili settimane della convalescenza, andando a trovarlo ogni giorno in ospedale nonostante avesse le costole rotte.

Quello che ha subito avrei preferito viverlo io. Appena ci hanno portato in ospedale si sono accorti che gli stava scoppiando l'aorta e aveva pochi minuti di vita, così l'hanno portato in elicottero in un'altra struttura. Il giorno dopo avevo tre costole rotte, ma l'ho comunque raggiunto. Non potevano ricoverarmi e ho preso un albergo a un chilometro dall'ospedale, ma il taxi non mi ci portava. Allora ogni giorno andavo a trovarlo a piedi o facendo l'autostop. I francesi non mi caricavano, un arabo mi ha dato un passaggio ed era addirittura disposto a ospitarmi a casa sua e della sua famiglia.

La proposta di matrimonio di Gianni Nazzaro in diretta, Barbara D'Urso sarà testimone

Infine, l'ospitata si è conclusa con un momento romantico: la proposta di (ri)matrimonio di Nazzaro alla sua Nada

Mia cara Nada, ricordo con gioia quella mattina di primavera in cui ci incontrammo e io pensai "Ma quando se va?". Se siamo ancora insieme il merito è tuo che non te ne sei mai andata. Vuoi risposarmi?

"A condizione che tu non farai ancora la valigie per andartene", è la risposta di Nada. Le nozze sono dunque in programma, con una testimone d'eccezione: Barbara D'Urso, naturalmente.