L'ultima puntata di C'è Posta per te presente l'ennesima storia capace di far discutere molto il pubblico da casa. La vicenda di Enzo e Stefania è una di quelle che si avvivina tremendamente alla soap opera. Stefania, dopo 4 anni di fidanzamento, ha lasciato Enzo dopo aver scoperto che era fidanzato ufficialmente con un'altra ragazza da 14 anni. Si è sposato con questa donna pur amando Stefania dopo 14 giorni ha chiesto il divorzio e l'annullamento alla Sacra Rota e oggi chiede a Stefania di ricominciare.

L'incredibile storia di Enzo e Stefania.

Enzo convive a Roma di nascosto da Stefania, con la fidanzata ufficiale. Quando i due si vedono, passano i giorni in albergo perché lui finge di essere ospite di uno zio. Va avanti nella doppia relazione organizzando anche il matrimonio. Affitta un appartamento a Roma che deve assentarsi per lavoro 15 giorni e va a vivere con Stefania nella casa. Lei torna in paese mentre lu millanta un altro viaggio di lavoro. A Stefania arriva un sms da una sua amica che le dice "So che ti sposi". Era convinta che la sposa fosse lei, ma non era così. Stefania inizia così ad indagare, va nel sito del Comune del Paese di Enzo e legge la comunicazione del matrimonio, così va dalla famiglia di lui e racconta tutto.

In studio Enzo si prostra completamente a Stefania, chiedendole scusa, chiedendo scusa a tutti e dicendole di aver sbagliato su tutti i fronti. Stefania non sembra persuasa dal suo atteggiamento, gli dice che i sentimenti passano, che si va avati e che, nonostante lui non le sia indifferente lei ha riorganizzato la sua vita dopo che era stata stravolta a 31 anni. Lui prova a convincerla a tornare indietro, le dice che il fatto che lei lo insulti tutti i giorni al telefono voglia dire che ci tiene ancora. Maria De Filippi sembra fare il gioco di Enzo, tentando di convincere Stefania ad aprire la busta, ma naturalmente sui social si scatena una guerra, soprattutto da parte del pubblico femminile, nei confronti del comportamento da doppiogiochista di Enzo, tantopiù quando lei sceglie di perdonarlo.