Dopo l'incredibile successo della prima stagione, che ha registrato ascolti impressionanti su Rai1, avvicinando il grande pubblico ad un racconto storico come quello della Firenze medicea, I Medici – Masters of Florence è stato rinnovato per una seconda stagione e nelle ultime ore è stato ultimato il gruppo di attori che prenderanno parte, come protagonisti, al cast de I Medici 2. Ad annunciarlo sono stati gli stessi produttori del period drama creato da Frank Spotnitz e Nicholas Meyer.

Protagonisti di questo secondo atto della serie tutta incentrata sulla storia della famiglia fiorentina saranno due volti noti della serialità televisiva, entrambi britannici: Daniel Sharman (era il licantropo buono Isaac di Teen Wolf e lo stregone Kaleb di The Originals) e Bradley James (l'irruento re Artù di Merlin e il musicista zombie Lowell di iZombie). I due saranno, rispettivamente, i fratelli Lorenzo e Giuliano de’ Medici.

Ma i nomi di spicco non finiscono qui, perché a popolare il cast de I Medici 2 oltre a Sharman e James, ci sono anche Julian Sands (Gotham) nelle vesti Piero De’ Medici, Sebastian De Souza (Crossing Lines) in quelle Sandro Botticelli, Sarah Parish (Hatfields & McCoys), oltre alla partecipazione degli italiani Raoul Bova sarà Papa Sisto IV e Alessandra Mastronardi nel ruolo di amante di Lorenzo Lucrezia Tornabuoni (per lei è l'ennesima conferma di una caratura da attrice di livello internazionale).

La trama de I Medici 2.

Ne I Medici 2 proseguirà il racconto delle vicissitudini di una delle famiglie di maggior spicco della storia peninsulare. La seconda stagione riprenderà 20 anni dopo gli avvenimenti della prima stagione, xche aveva tra i protagonisti Dustin Hoffman, e sarà incentrata sulla vita del giovane Lorenzo, figlio di Cosimo (Richard Madden), che si troverà alla guida della banca fondata dal padre nel tentativo di rendere Firenze il centro dell'economia e della cultura mondiale. Saranno in tutto 8 gli episodi della seconda stagione de I Medici, le riprese inizieranno a fine agosto e verranno realizzate inizialmente a Roma, per poi spostarsi a Firenze.