Andrà in onda in prima serata su Rai2 il 20 luglio prossimo Diversamente amore, programma in un’unica puntata in occasione del quale Bebe Vio racconterà le storie di 5 coppie che, amandosi, hanno superato i limiti imposti dalla disabilità. Si tratta di coppie “miste” formate da disabili e normodotati. Momento d’oro per la campionessa paralimpica di scherma che, in autunno, condurrà in prima serata su Rai1 anche La vita è una figata, 6 puntate che raccontano vicende straordinarie di riscatto, proprio come la sua.

Le coppie di “Diversamente amore”.

Saranno 5 le coppie “miste” protagoniste della puntata di Diversamente amore. Si tratta di storie che sono agli antipodi tra loro, di persone che hanno riscritto la propria esistenza per poter entrare nella vita dell’altro, o che si accingono a farlo. Le loro storie straordinarie hanno un unico comune denominatore: quello di dimostrare che l’amore è amore, sempre, qualsiasi siano le condizioni di partenza.

Luca e Sarah hanno 30 e 28 anni. Si sono conosciuti in rete mentre vivevano in due punti opposti del mondo. Sarah, americana, viene dall’Ohio mentre Luca vive a Vigevano. È un alpino che, durate una missione di pace in Afghanistan, è rimasto coinvolto in una sparatoria che l’ha reso tetraplegico. Quando si sono conosciuti e innamorati, Sarah non ha esitato: si è imbarcata in un aereo per l’Italia e non è mai più tornata negli Stati Uniti.

Emiliano e Chiara si sono conosciuti nel 2012 sul circuito del Mugello. Sono entrambi appassionati di moto ma è stato proprio a causa di un incidente sulle due ruote che a Emiliano è stata amputata una gamba. Oggi vivono insieme a Roma e hanno fondato una Onlus.

Lorenzo ha deciso di rimettere in discussione la sua vita quando ha conosciuto la 25enne Martina. Nato udente, è diventato sordo quando aveva solo 2 anni. Per lei ha trovato la forza di prendere una tra le decisioni più importanti della sua vita: quella di operarsi e tornare a vivere.

Lorenza e Marco sono una coppia rodata. Lei è un’ex modella di Ravenna che oggi vive su una sedia a rotelle. Ha deciso di avere una figlia dal marito 10 anni fa, dopo 17 anni passati in carrozzina. Marco vorrebbe aiutare di più sua moglie ma la donna, animata da una forza di volontà incrollabile, si ostina con caparbietà e l’immancabile sorriso a fare tutto da sola.

L’ultima storia è quella di Caterina e Domenico. Lei ha 26 anni e una vicenda complessa alle spalle: le sono stati diagnosticate tre malattie rare e un tumore benigno altrettanto raro. Quando ha conosciuto Domenico, le avevano dato un’aspettativa di vita di un anno e mezzo. Vivevano lontani, lui a Torino e lei a Padova, ma la forza dirompente del loro amore ha convinto l’uomo a lasciare tutto per trasferirsi da lei.