Le polemiche sul vestito di Diletta Leotta al Festival di Sanremo 2017 non si fermano al solo Festival. Era sul palco dell'Ariston per parlare di una tematica importante come il "cyberbullismo", presentandosi con un vestito che ha fatto scalpore e che, in particolare, ha ricevuto le critiche in diretta via twitter di Caterina Balivo, che le contestava di parlare di tematiche così particolari con un vestito troppo succinto.

Quelle parole sono costate a Caterina Balivo la gogna mediatica pubblica, dopo qualche giorno ci pensa Alba Parietti a difenderla pubblicamente a "L'Arena – Speciale Sanremo".

Se io parlo di un tema così delicato, come il cyberbullismo, devo assolutamente pensare a dare un'occhiata al mio abbigliamento, perché sto parlando di temi seri. Per questo, penso che Caterina abbia sbagliato a scusarsi. La Leotta era fantastica, ma insisto: se si parla di cose serie, non si può presentarsi così.

Anche Platinette cerca di incoraggiare l'argomento, liberando dalle responsabilità Caterina Balivo.

Perché quelle foto lì sono state hackerate? Perché fare quel genere di foto. Sapendo che te le possono rubare, non metterle sul cellulare.

Maria De Filippi: "Sul web, quello che è scritto vale"

Interviene Maria De Filippi a distanza, con l'intervista realizzata questa mattina da Giletti

Con il web quello che è scritto vale. Quello che poteva essere una battuta della Balivo, è diventato qualcosa di molto pesante. Sono cose che magari dico anche io a casa, solo che sul web tutto si ingigantisce. Alla fine era un pettegolezzo.

"Sanremo è diventata la "Capitale d'Italia" per una settimana", dice bene Red Ronnie, e quindi anche la Capitale delle grandi polemiche.