Adriana Volpe va avanti per la sua strada e conferma la querela nei confronti di Giancarlo Magalli. Lo sapevamo già dalle scuse in diretta del conduttore, accettate in parte dalla Volpe che adesso va avanti spedita con l'intenzione di sporgere querela e chiedere i danni. Lo ha confermato lei stessa a "Oggi" in una intervista in cui precisa di voler andare avanti in nome di tutte le donne che vengono offese sul posto di lavoro.

Magalli ha scritto su Facebook che le donne si sentirebbero offese se sapessero come ho fatto carriera. Sono parole vili che offendono me, e mio marito. Ora Magalli affronterà le conseguenze per quelle sue parole vili.

Una lite, l'ennesima, tra i due conduttori che mal si sopportano, beccandosi in continuazione fuori e dentro lo studio. Questa volta il segno è stato passato non solo davanti alle telecamere, con Magalli che ha dato della "rompipalle" in diretta alla collega, ma sui social, dove Magalli ha insinuato che la carriera della conduttrice fosse dovuta a motivi "extra". Le scuse in diretta tv non sono bastate.

Ha fatto capire che io lavorerei in Rai da venti anni grazie ad alcune raccomandazioni particolari, insultando non solo me ma anche la stessa azienda che dunque selezionerebbe le sue conduttrici sulla base di segnalazioni totalmente estranee al merito.

Lo sfogo di Adriana Volpe.

In una intervista a "Le Iene", pubblicata lo scorso 2 aprile, la conduttrice e soubrette ha chiarito le sue intenzioni, lanciando anche una velata accusa alla Rai che da tempo tollererebbe gli atteggiamenti e i comportamenti scorretti di Giancarlo Magalli.

Ha fatto capire che io lavorerei in Rai da venti anni grazie ad alcune raccomandazioni particolari insultando non solo me ma anche la stessa azienda che dunque selezionerebbe le sue conduttrici sulla base di segnalazioni totalmente estranee al merito.

La stagione de "I Fatti Vostri" proseguirà con ancora i due al timone della trasmissione ma, a fine stagione, Adriana Volpe dovrebbe lasciare la trasmissione per condurre "Mezzogiorno in Famiglia".